Sguardi di Confine


Siedi. Sgombera la mente da ogni preconcetto. Ascolta. Rifletti.

Sguardi di Confine è moderno solo nel mezzo: online. Lo spirito di questo progetto vuole stimolare riflessione e un tempo di lettura lento e meditato. Non c’è spazio per la frenesia, per i giudizi e i commenti a tempo record.

C’è solo spazio per la voglia di conoscere esperienze di vita vissuta, farne tesoro e ampliare il proprio sguardo sul mondo.

Sguardi di Confine. Perché è da lì che nasce e si sviluppa la cultura. Da lì la diversità prende forma, si mescola, si diversifica ancora di più. Con nessuna pretesa ma con tanta ambizione, quella di dare voce a racconti dove l’individuo e la sua diversità sono al centro. 

Perché è necessario combattere la retorica o almeno provare a tracciare la rotta per la verità, quella verità fatta di infinite composizioni, aneddoti e sfaccettature. Perché è necessario far in modo che la pratica del post-giudizio diventi più diffusa del pre-giudizio.

Con l’obiettivo di far emergere il terreno inconsueto, si parla di chi lotta nel buio ma anche di chi, con la forza e l’invettiva, ha scalato la vetta: storie che, in comune, hanno la caratteristica di lasciare un segno per arricchire di infinite sfumature di colori una tela troppo spesso dipinta solo in bianco e nero.

Qui, sono ospitati solo Sguardi di Confine, per un visitatore attento e interessato che voglia scoprire il mondo con gli occhi ingenui di un bambino e ascoltare senza giudicare.

Seguendo, con umiltà, le orme dei maestri che hanno tentato di sconfiggere la retorica, fino ad arrivare a Carlo Raimondo Michelstaedter, il filosofo, di confine, a cui omaggio questo inizio. E lo dedico a tutti coloro che hanno, nella loro diversità, qualcosa da raccontare.

Buona lettura, 

Valentina.

“…il coraggio dell’impossibile è la luce che rompe la nebbia, davanti a cui cadono i terrori della morte e il presente divien vita”.

C. Michelstaedter, La Persuasione e la Rettorica, Piccola Biblioteca Adelphi, 1982, p. 82.

Per più informazioni leggi la visione michelstetteriana della vita

Foto: © Creative Commons – Flickr:  Marta Diarra

One thought on “Linea Editoriale

  1. Pingback: Non commentare il titolo, leggi prima l’articolo –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *