Sguardi di Confine

Il silenzio era cavo, era muto,

un oceano blu, una notte serena…

Fuori tanto stridore,

una folla incostante impazzita,

in assolo io volevo tacere.

 

Poi mi giunse improvvisa una nota,

che al mio blu s’accostava ogni giorno.

Non potevo restare in silenzio,

chi intonava quel canto mi accese…

 

Riconobbi mia madre, il suo ardore,

piano piano, in silenzio riemersi.

Dentro il blu tante note leggere,

nel mio blu c’era lei col suo canto!

(A Sara)

Giusy Tolomeo, Frammenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *