Sguardi di Confine

Il 19 maggio 1965  la prima donna di colore venne nominata  segretario di Gabinetto negli Stati Uniti. Si chiamava Patricia Roberts Harris e segnò un punto cruciale nella storia.

Tra il 1977 e il 1980 fu nominata prima segretario dello Sviluppo abitativo e Urbano e in seguito segretario della Sanità, Istruzione e Assistenza sotto il presidente Jimmy Carter.

La carriera di Patricia Harris prima di diventare segretario di Gabinetto era già avviata, infatti, fu anche la prima donna di colore a diventare ambasciatrice e direttrice di una facoltà di legge americana.

Avendo lavorato come professoressa alla Howard University Law School e come avvocato aziendale a Washington DC tra gli anni 60 e 70, si avvalse delle due esperienze nel momento in cui arrivò al governo.

Secondo Gerald M. Boyd del New York Times, la sua carriera politica fu segnata da una serie di posizioni di rilievo nel governo e fu un risultato della combinazione, da lei abilmente effettuata, tra duro lavoro e scaltro senso politico.

Harris era nota, nei numerosi dipartimenti che doveva seguire, come un’amministratrice competente e decisa. Fu una voce critica riguardo alle pratiche di discriminazione razziale in ambito domestico e lavorativo e fu anche promotrice di interventi per l’assistenza dei meno abbienti.

Harris, prima donna di colore segretario di Gabinetto negli Stati Uniti: non mancano le critiche

Inizialmente, tuttavia,  le critiche non mancarono. L’esperienza come avvocato aziendale, secondo alcuni, la distanziava dagli interessi dei dipartimenti dei quali si occupava. Inoltre, venne spesso descritta, secondo Boyd, come distante dalla maggior parte dell’America di colore, per la quale era spesso chiamata a parlare.

In risposta a queste contestazioni, durante l’udienza per la sua conferma nel 1976, Harris fece prova della sua empatia per i gruppi svantaggiati che cercava di difendere. Come racconta J. Clay Smith Jr. in “Notable Black American Women”, Patricia Harris disse al senatore William Proxmire:

“Tu non capisci chi sono, io sono una donna nera, figlia di un cameriere. Sono una donna di colore che otto anni fa non poteva comprare una casa in alcune parti del Distretto di Columbia. Non sono partita come membro di un prestigioso studio legale, ma come una donna che ha avuto bisogno di una borsa di studio per poter andare a scuola. Se credi che io l’abbia dimenticato, ti sbagli”.

Harris nacque nel 1924 a Mattoon, Illinois, e venne cresciuta dalla madre, Hildren C. Roberts.

Al giorno d’oggi è importante ricordare una donna come lei che tramite determinazione e senso di iniziativa arrivò a ricoprire una carica di enorme rilievo, il traguardo da lei raggiunto è fonte di ispirazione e le sue parole sono un’appello alla meritocrazia.

Foto: © Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *