sguardi-di-confine-logo

Cara Vittoria, non ti perdi mai, l’isolamento nella regione più problematica del paese, la Lombardia, ti ha colto di sorpresa come a tutti noi, eppure tu hai, da biofila quale sei, individuato il positivo dell’esperienza.

Leggi di più


Stare in casa con i tuoi genitori, sottratti alla vita lavorativa e finalmente liberi da impegni ritenuti sempre improrogabili, ti rende allegra e appagata. Segui le lezioni della scuola on-line, giochi con la tua sorella, ti metti in contatto con amiche e con me utilizzando video chiamate con grande abilità e allegria. Grande piccola Vittoria, sei una vera risorsa.

Hai dato coraggio e senso di realtà a me che erroneamente credevo di essere attrezzata per questo e altri eventi. L’isolamento invece, su di me, calata in un contesto privo di relazioni, qui ai Castelli Romani, è stato duro e non so se ne uscirò indenne.

Sono certa che nulla sarà come prima. La tua resilienza sarà la tua ricchezza in questo passaggio epocale mentre per me, donna del ‘900, resta la gratitudine al tempo che mi è concesso di vivere anche se complesso e non chiaro. Osservare te, con la tua giovane spensierata età, però mi pone in una situazione di speranza per le generazioni future. Grazie per esserci. Fate diventare la terra un giardino ricco di fiori e frutti. Coltivate la pace quale fertilizzante per i cuori aridi e stanchi.

Nonna Anto

Invia la tua lettera a redazione@sguardidiconfine.com e indicaci se vuoi mantenere l’anonimato oppure no. Leggi le linee guida (qui) e condividi il tuo #scambiodisguardi con noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *